Museo Civico "Carlo Verri" Biassono
Denunce
Danneggiamenti al ponte di S.Rocco

Spett.le Comune di Vimercate
alla c.a. Sig. SINDACO
P.zza Unità d'Italia, 1
20059 Vimercate (Mi)
OGGETTO: DANNEGGIAMENTI AL PONTE DI S. ROCCO

Itinerario
Cartolina anni '20
Egregio Sig. Sindaco

Con la presente intendo metterla al corrente di un fatto accaduto nei giorni scorsi che riguarda il ponte di S. Rocco.
Come ogni anno, dopo il falò di S. Antonio, mi sono recato a visionare lo stato di fatto del ponte per verificarne lo stato di conservazione e la presenza di eventuali danni riconducibili ai festeggiamenti (per altro legittimi e legati ad una tradizione pluriennale).
Purtroppo quest'anno ho potuto riscontrare un evidente danneggiamento: uno degli speroni frangiflutti, durante le fasi di sistemazione dell'area con l'ausilio di un escavatore meccanico, è stato colpito accidentalmente dal mezzo e spostato di una decina di centimetri.
Il danno è evidente, come si può vedere nella serie di immagini che allego alla presente.
Reputo l'episodio di estrema gravità innanzitutto perché coinvolge il monumento simbolo di Vimercate, al quale tutti i Vimercatesi sono particolarmente affezionati.
Inoltre (e qui purtroppo non posso che ripetere quanto Le ho già espresso in merito a Palazzo Trotti), ritengo che questo incidente testimoni l'atteggiamento superficiale col quale si affronta ogni volta questo importante monumento (che, Le ricordo, è tutelato dalla Soprintendenza Archeologica).
Il danno in oggetto deve essere riparato al più presto, sia per motivi "d'immagine", sia perché lo sperone in quelle condizioni risulterebbe estremamente pericoloso in caso di improvviso aumento di livello del torrente.
Un corretto intervento dovrà prevedere il parziale smontaggio dello sperone, la pulitura delle pietre ed il loro riposizionamento con l'ausilio di malte a base di calci idrauliche (importante è la scelta di materiali idonei e storicamente compatibili con quelli esistenti).
Per concludere volevo mettere in evidenza che il ponte di San Rocco, che esiste da tempo immemorabile, viene quotidianamente "consumato" da automobili e pesanti mezzi di trasporto; i due archi medievali, per esempio, presentano ampie erosioni causate dai mezzi di trasporto. Inoltre, nella parte sottostante, il fiume continua a scavare e ad erodere le pile di sostegno.
A fronte di questo costante e massiccio utilizzo del ponte, non vengono effettuate le necessarie opere di manutenzione ordinaria e straordinaria, né alcun restauro conservativo, mentre aumenta costantemente il degrado.
Per concludere, Le chiedo cortesemente di mettermi al corrente al più presto sugli interventi che intendete predisporre a breve (spero brevissimo) ed a lungo termine nei confronti del Ponte di S. Rocco.
In attesa di una cortese risposta, colgo l'occasione per porgere i più cordiali saluti

Vimercate, 24 gennaio 2000

L'Ispettore Onorario per l'Archeologia
Arch. Massimo Cunegatti       

ScriveteciMuseo Civico "Carlo Verri"
via san Martino, 1
20046 - Biassono (MI)
tel./FAX 0392201077 cel. 3343422482
e-mail info@museobiassono.it