Museo Civico "Carlo Verri" Biassono
Memorie del Parco nel bicentenario della nascita

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27
Pagina precedenteElemco mostrePagina successiva

PRIMA DEL PARCO
Il territorio nell'antichità


Schema di una centuria e dei suoi sottomultipli
In epoca romana la pianura lombarda venne in gran parte, e in fasi diverse, centuriata. I terreni, bonificati e organizzati con strade e canali tra loro perpendicolari, erano destinati alle assegnazioni "viritarie" (cioè con la consegna di un piccolo podere ad ogni famiglia (di norma di un reduce alla fine della lunghissima ferma militare). Gli assi perpendicolari con i quali venivano divisi i lotti maggiori erano i decumani e i cardini. I poderi di ogni quadrato di m.710,4 x 710,4 erano assegnati a 100 famiglie (una centuria).
Ancora oggi se prendiamo una tavola IGM del territorio e vi sovrapponiamo un reticolo con le intersezioni perpendicolari poste a 2,84 cm. (corrispondenti a 20 actus = 710,4 metri nella scala 1:25.000) potremo scoprire questi antichi residui vecchi di 2000 e più anni.

Centuriazzione Il territorio a noi vicino, l'area compresa tra Monza, Cinisello, Desio, Macherio, Biassono e Vedano, presenta tracce evidentissime di queste divisioni perpendicolari con un costante orientamento.
Queste divisioni centuriali si arrestavano lungo la linea dell'antica strada Monza-Biassono-Sovico, mentre la fascia di territorio tra questa strada e il fiume Lambro presentava tracce più irregolari e con un diverso orientamento. L'area di forma triangolare che ha la sua base tra Biassono e il fiume Lambro e ha il vertice alle porte di Monza in piazza Citterio, meglio nota come del Re de Sass, è parte terminale di un terrazzo fluvio-glaciale formatosi nell'intervallo Riss-WŘrm (Diluvium medio), la cui natura del suolo è poco adatta all'agricoltura: fu quindi lasciata indivisa nell'antichitÓ e destinata a bosco.
Questo territorio, che oggi corrisponde al Parco Reale, aveva comunque subito anch'esso un episodio di divisione agraria in un periodo antico, ma successivo a quello della centuriazione romana. Dalle mappe teresiane, e da quelle successive dei primi anni dell'800, risulta infatti evidente un asse mediano sud nord, che potrebbe essere il cardo principale (con orientamento molto dissonante da quello della centuriazione sopra citata, certo più antica), attraversato perpendicolarmente da divisioni agrarie e da strade che rivelano distanze di circa 700 metri corrispondenti alle antiche misure della limitatio romana di 20 actus.

Vs. V.Ingegnoli e N.Nasini, Il territorio prima della costruzione del parco,in Il parco reale di Monza, F. de Giacomi cur., Monza 1989, Fig.36 p.51.


ScriveteciMuseo Civico "Carlo Verri"
via san Martino, 1
20046 - Biassono (MI)
tel./FAX 0392201077 cel. 3343422482
e-mail info@museobiassono.it
Pagina precedenteElenco mostrePagina successiva