Museo Civico "Carlo Verri" Biassono
Memorie del Parco nel bicentenario della nascita

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27
Pagina precedenteElemco mostrePagina successiva

CARTA ARCHEOLOGICA DEL TERRITORIO DI BIASSONO


Carta geografica 1:25.000 disegnata da Giovanni Brenna. Edizione 1836.
Particolare del terittorio di Biassono e Parco Reale

1) "Brughiera dei Morti" X secolo a.C.
Necropoli rinvenuta nel 1911-1912 da Pompeo Castelfranco.
I materiali superstiti, due urne biconiche e una fibula ad arco semplice, si datano al X sec.a.C., all'ultima fase del Bronzo finale, corrispondente alla Cultura "del Protogolasecca".
2) "Cascina Marianna" I secolo a.C.
Necropoli tardoceltica scoperta nel 1966.
Durante lo scavo di un pozzo vennero alla luce ventisei oggetti tra cui si distinguevano vasi a trottola, bicchieri situliformi e bicchieri a rocchetto.
3) Ritrovamenti sporadici di monete romane tardo-repubblicane del 40-36 a.C.
Sono quattro monete emesse da Ottaviano rinvenute negli anni trenta nel territorio di Biassono in circostanze sconosciute. Le monete bronzee recano al diritto la testa nuda di Ottaviano e la leggenda CAESAR DIVI F; al rovescio, la testa di Cesare e la leggenda DIVOS IULIUS.
4) "Necropoli della cava Verri" I sec.d.C.
Rinvenuta nel marzo 1890 in un terreno di proprietÓ Sormani-Verri posto tra le cascine Mantova e Vittoria, a 20 metri dal muro di cinta del Parco.
5) "Necropoli della Cascina Monzina" I-IV sec.d.C.
Rinvenuta nel 1883 nelle adiacenze della distrutta cascina Mondina situata nel Parco, a nord di San Giorgio.
6) "Santa Maria delle Selve" Tomba romana presso l'antica strada. (Giardino di Villa Litta - Vedano al Lambro)
Nel 1880 lungo l'antica strada presso S.Maria della Selve si trovò un tratto dell'antico selciato (?) che copriva la strada. Poco lungi, a lato della strada medesima, si scavò una tomba romana costituita da un'anfora vinaria contenente ceneri e ossa semiuste, piccoli oggetti e una lucerna decorata con una quadriga.
7) "Ara romana di casa Verri"
Trovato anticamente nella proprietÓ Verri in Biassono, ora a Monza.
L'ara reca l'iscrizione: HERCVLI P.PETRONIVS.VERVS.V.S.L.M.
8) "Ara romana" da cascina Giussani.
L'ara era stata dedicata a Giove da Quinto Ioviano.
9) "Villa romana di Sant'Andrea"
  • Cisterna di raccolta delle acque piovane
  • Spillone in osso configurato a testa femminile
  • Frammenti di ceramica da mensa
  • Frammenti di pavimenti, suspensurae, tegole, tubuli termali, vetri
  • Monete
10) "Ripostiglio di Biassono"
Rinvenuto nel 1975 nei pressi della villa romana di Sant'Andrea.
Il ripostiglio monetale era costituito da 2239 monete di bronzo e argento. L'orizzonte cronologico va dal 40-39 a.C. al 256 d.C.
11) "Pozzo di cascina Sant'Andrea"
Pozzo profondo 28 metri.
Nell'indagine si Ŕ evidenziato che il tratto finale di circa 10 metri potrebbe essere antico.
12) "Sarcofago e coperchio con acroteri"
Rinvenuto nel giardino di Villa Verri
13) "Tesoretto di Casa Monti"
Trovato il 15 maggio 1854 da contadini che facevano dei lavori nel giardino di casa Monti in Biassono.
Le monete era contenute in più vasi di terracotta verniciata. Si ricordano monete di Milano (Prima Repubblica XIII sec.), di Bergamo (col busto di Federico II), ed anche un tornese di Filippo il Bello del 1291/92.
14) "Tombe di Sant'Andrea"
Rinvenute nei pressi di Cascina Sant'Andrea e databili al XVII sec. per la presenza di una monetina di Filippo II di Spagna.
Probabilmente pertinenti al monastero ivi esistente.


ScriveteciMuseo Civico "Carlo Verri"
via san Martino, 1
20046 - Biassono (MI)
tel./FAX 0392201077 cel. 3343422482
e-mail info@museobiassono.it
Pagina precedenteElenco mostrePagina successiva